Trovare clienti online

Trovare clienti online

 

Come trovare clienti online

Ovvero come ribaltare il problema

 

Di fronte ad un calo significativo di clienti, spesso, molti titolari di attività accarezzano l'idea di pescare nuova clientela da quel mare che è internet. In fondo, è logico pensare che ,anche solo per una questione di numeri, trovare clienti online sia un affare relativamente semplice da portare a termine. Purtroppo, se così fosse, tutti avremmo clienti ed il problema non esisterebbe.

Ci troviamo, quindi, di fronte ad un problema differente: come riuscire ad entrare in contatto con nuovi potenziali clienti se sia la possibile clientela che la possibile competizione è molto più ampia online?

 

La risposta può essere intuita dalla domanda stessa e si articola in due punti differenti fra di loro:

  • Capire non come trovare clienti, ma come i clienti trovino noi o la nostra concorrenza
  • Cosa ci rende differenti dalla concorrenza stessa, o meglio cosa rende "unico" il nostro servizio, prodotto o combinazione dei due

 

I nostri clienti

Il percorso d'acquisto dell'utente medio

 

Per rispondere al primo punto dobbiamo, come farebbe un buon segugio, ripercorrere le tracce attraverso cui il potenziale cliente arriva alla decisione di acquistare un determinato prodotto. Cosa lo spinge, inizialmente, ad aprire un browser e cercare proprio quello che sta cercando?

La risposta è racchiusa in questi quattro fasi:

 

  • Scoperta o Problema: è la fase inziale, quando l'utente scopre un nuovo prodotto o ha bisogno di risolvere un problema. Esempi calzanti per la "Scoperta" sono le vetrine dei negozi, la televisione, un annuncio su Facebook, il tanto tradizionale passaparola. Per il "Problema", invece, la ricerca nasce da una necessità urgente di risolvere una situazione, come ad esempio un tubo rotto, una serratura da cambiare o una caldaia da riparare. E' qui che ci chiediamo, quindi, come il nostro cliente venga a conoscenza della nostra attività. E' da notare che la scoperta di un prodotto o la necessità di risolvere un problema possono ognuno generare l'altro: attraverso un problema posso imbattermi in un nuovo prodotto e, in maniera opposta, da un nuovo prodotto posso rendermi conto di un problema che non sapevo di avere.

 

  • Acquisizione informazioni: Una volta che il cliente si è reso conto di avere un problema o ha scoperto un nuovo prodotto, ricercherà maggiori informazioni sul secondo o come risolvere il primo. Questa è la fase in cui il cliente compara prezzi, quantità e qualità dei servizi offerti, affidabilità e recensioni a riguardo.

 

  • Acquisto: L'effettivo acquisto da parte del cliente

 

  • Grado di soddisfazione: La fase finale in cui il cliente riesamina la propria esperienza d'acquisto e decide se il prodotto (o servizio) che ha appena comprato è soddisfacente o meno. Questa fase può influenzare grandemente l'acquisizione di nuovi clienti. Tu compreresti da una persona notoriamente poco professionale e che vende prodotti scadenti?

 

E' da notare che a questi quattro punti, ed in special modo dal primo, ogni titolare di azienda dovrebbe rispondere in maniera sincera ed esaustiva, considerando anche il proprio settore di appartenza.

Se sei nel campo dei servizi locali (E.g. un fabbro, un idraulico o un elettricista) probabilmente i tuoi clienti hanno un problema, di cui poi ricercheranno la soluzione su di un motore di ricerca (come Google), arrivando al tuo sito / contatto e chiamandoti per risolverlo. Diventa quindi essenziale, per questo settore, avere un buon posizionamento su Google (o su altri motori di ricerca).

Se invece il tuo campo è l'abbigliamento, molto più spesso i tuoi clienti arriveranno a te attraverso la scoperta: i tuoi prodotti vengono infatti esposti dietro un vetro per far si che i passanti li notino. E' a questo che servono le vetrine. Diventa quindi ottimale, per questo settore, simulare una vetrina online, magari attraverso Facebook o un sito dedicato.

Nota che questo processo di "digitalizzazione" non deve assolutamente rimpiazzare la presenza fisica di un negozio, ma solamente cambiarne la posizione nella catena di acquisto. Le persone preferiscono comprare da altre persone, aprire un dialogo ed avere un rapporto di compravendita vis-a-vis. La rete dovrebbe servire solo ad aumentare la tua visibilità.

 

Le nostre unicità

Cosa ci rende differenti dagli altri

 

Fondamentale è, rispondendo al secondo punto, capire quali sono i servizi che offriamo in più rispetto alla nostra concorrenza e, in caso questi siano inesistenti, capire cosa possiamo fornire in più rispetto agli altri. E non sto parlando di prezzi o qualità. Quelli dovrebbero essere uno standard lavorativo e non una leva da usare nelle tue campagne promozionali. Parlo invece di tipologia di servizio offerto: se ad esempio hai un negozio in cui vendi caldaie, rientri in un settore già popolato da tanti altri negozi. Cosa potresti fare in più rispetto a loro?

Ad esempio, potresti aggiungere alla vendita un servizio di assistenza gratuita oppure potresti ampliare il tuo stock di prodotti con alcune marche che gli altri negozi concorrenti non trattano. Ci si ricava così una identità aziendale ben definita e di conseguenza ci si impone sugli altri andando ad ampliare la nicchia di mercato trattata.

Questo sito web usa i cookies. Usa i cookies per gestire alcune funzionalità, quali navigazione, autenticazione, commenti, etc. Utilizzando il nostro sito web, accetti l'utilizzo dei cookies.